Orari d’apertura

Museo, boutique e bistrot

ma – me 10:00 - 17:00

gi 10:00 - 19:00

ve – do 10:00 - 17:00

Biblioteca

ma – me, ve 10:00 - 18:00

gi 10:00 - 19:00

sa – lu Chiuso

Orari d’apertura speciali

ma, 21.12.2021 10:00 - 17:00

me, 22.12.2021 10:00 - 17:00

gi, 23.12.2021 10:00 - 17:00

ve, 24.12.2021 10:00 - 14:00, Vigilia di Natale

sa, 25.12.2021 10:00 - 17:00, Natale

do, 26.12.2021 10:00 - 17:00, Santo Stefano

lu, 27.12.2021 10:00 - 17:00

ma, 28.12.2021 10:00 - 17:00

me, 29.12.2021 10:00 - 17:00

gi, 30.12.2021 10:00 - 17:00

ve, 31.12.2021 10:00 - 17:00

sa, 1.1.2022 10:00 - 17:00, Capodanno

do, 2.1.2022 10:00 - 17:00, San Basilio

ve, 15.4.2022 10:00 - 17:00, Venerdì santo

do, 17.4.2022 10:00 - 17:00, Pasqua

lu, 18.4.2022 10:00 - 17:00, Lunedì di Pasqua (Pasquetta)

lu, 25.4.2022 Chiuso, Sechseläuten

do, 1.5.2022 10:00 - 17:00, Festa del lavoro

gi, 26.5.2022 10:00 - 17:00, Ascensione

do, 5.6.2022 10:00 - 17:00, Pentecoste

lu, 6.6.2022 10:00 - 17:00, Lunedì di Pentecoste

Mostrare tutto

Orari d’apertura

Museo, boutique e bistrot

ma – me 10:00 - 17:00

gi 10:00 - 19:00

ve – do 10:00 - 17:00

Biblioteca

ma – me, ve 10:00 - 18:00

gi 10:00 - 19:00

sa – lu Chiuso

Orari d’apertura speciali

ma, 21.12.2021 10:00 - 17:00

me, 22.12.2021 10:00 - 17:00

gi, 23.12.2021 10:00 - 17:00

ve, 24.12.2021 10:00 - 14:00, Vigilia di Natale

sa, 25.12.2021 10:00 - 17:00, Natale

do, 26.12.2021 10:00 - 17:00, Santo Stefano

lu, 27.12.2021 10:00 - 17:00

ma, 28.12.2021 10:00 - 17:00

me, 29.12.2021 10:00 - 17:00

gi, 30.12.2021 10:00 - 17:00

ve, 31.12.2021 10:00 - 17:00

sa, 1.1.2022 10:00 - 17:00, Capodanno

do, 2.1.2022 10:00 - 17:00, San Basilio

ve, 15.4.2022 10:00 - 17:00, Venerdì santo

do, 17.4.2022 10:00 - 17:00, Pasqua

lu, 18.4.2022 10:00 - 17:00, Lunedì di Pasqua (Pasquetta)

lu, 25.4.2022 Chiuso, Sechseläuten

do, 1.5.2022 10:00 - 17:00, Festa del lavoro

gi, 26.5.2022 10:00 - 17:00, Ascensione

do, 5.6.2022 10:00 - 17:00, Pentecoste

lu, 6.6.2022 10:00 - 17:00, Lunedì di Pentecoste

Mostrare tutto

Collezione Tessili e moda

Il Museo nazionale svizzero possiede la più ampia collezione di tessili della Svizzera. Alcuni settori hanno valore di collezioni di riferimento.

M.A. Andrea Franzen

Curatrice Tessuti storici e costumi fino al 1850, costumi folkloristici

Storia della cultura 1 +41 44 218 65 87 andrea.franzen@nationalmuseum.ch

Dr. phil. Joya Indermühle

Curatrice Tessuti contemporanei e moda dal 1850, giocattoli, Responsabile supplente Storia della cultura 1

Storia della cultura 1 +41 44 218 65 22 joya.indermuehle@nationalmuseum.ch

La collezione documenta l’intera gamma delle tecniche e funzioni nel settore tessile. Tra i suoi elementi di spicco vanno annoverati gli articoli di maglieria in lana, nonché i ricami in lana e lino confezionati tra il XIII e il XXI secolo. Gli archivi tessili e le indiane costituiscono pure una parte importante della collezione.

Questa vasta collezione, il cui elemento essenziale è costituito dai costumi femminili, comprende anche accessori, copricapi e gilet per uomo, nonché abiti di stilisti di fama internazionale confezionati con tessuti svizzeri e modelli firmati da stilisti svizzeri.La collezione copre un periodo compreso tra il XVII e il XXI secolo.

La maggiore collezione di riferimento di costumi svizzeri è stata costituita a partire dal fondo di Julie Heierli, editrice del testo di riferimento «Die Volkstrachten der Schweiz» (1922-1932).

M.A. Andrea Franzen

Curatrice Tessuti storici e costumi fino al 1850, costumi folkloristici

Storia della cultura 1 +41 44 218 65 87 andrea.franzen@nationalmuseum.ch

Si tratta di una collezione rappresentativa di vesti liturgiche utilizzate durante la cerimonia dell’Eucaristia, tra le quali figurano casule, piviali, dalmatiche, vesti della Vergine Maria e veli risalenti a un’epoca compresa tra il XV e il XX secolo.

La collezione vanta un numero notevole di antiche bandiere di grande pregio. Essa accoglie principalmente bandiere nazionali e militari conservate durante vari secoli negli arsenali, nelle chiese e nelle sale del consiglio dei municipi, nonché alcune bandiere considerate come bottini di guerra.

Ricerca